Menu Chiudi

NBA schiaffeggia Heat con la dura realtà sul controverso ribaltamento di 3 punti di Max Strus

La sconfitta dei Miami Heat contro i Boston Celtics in gara 7 delle finali della Eastern Conference ha caratterizzato due tiri famigerati. Uno è stato il triplo pull-up in ritardo di Jimmy Butler che ha mancato e non è riuscito a dare il comando agli Heat. L’altro è stato il tiro da 3 punti di Max Strus all’inizio del terzo quarto che è stato poi ribaltato.

La chiamata è stata ufficialmente ribaltata pochi minuti dopo il tiro e ha spinto ulteriormente il deficit degli Heat. Miami ha perso la partita di quattro, ponendo fine alla sua stagione.

Dopo la partita, l’allenatore degli Heat Erik Spoelstra si è chiesto se la NBA avrebbe esaminato come è andata a finire e forse avrebbe cambiato qualcosa.

Secondo Ira Winderman del South Florida Sun-Sentinal, gli Heat hanno avuto un incidente raro ma non inaudito. Monty McCutchen, Senior Vice President della NBA, Head of Referee Development and Training, ha spiegato che questi incidenti sono accaduti in precedenza, anche a Miami.

“Quando ne succede uno in Gara 7, ha attirato più attenzione… ma ci sono stati altri 15 incidenti in cui quest’anno i punti sono stati tolti dal tabellone a una squadra – inclusa Miami, ironia della sorte – per tutta la stagione”.

Gli Heat erano sconvolti dal fatto che la tripla revocata di Strus non fosse stata annunciata fino a più tardi nel gioco. McCutchen ha spiegato, tuttavia, che il processo è più veloce di prima e si basa sulle interruzioni del gioco per annunciare.

“Non possiamo annunciare quelli in azione dal vivo”, ha detto. “Mentre la palla viene gocciolata, nessuno vuole un annuncio che interrompa il flusso attraverso la delusione. Se lo senti mentre stai salendo per un layup e hai appena perso tre punti, questo può davvero avere un impatto sul gioco.

L’emergere di Strus come un forte tiratore ha dato agli Heat un gregario chiave per Jimmy Butler e Bam Adebayo. Ha segnato una media di 10,6 punti e 3,0 rimbalzi mentre tirava il 41,0 percento da oltre l’arco. L’ultimo giocatore non draftato degli Heat che si è trasformato in un antipasto chiave dovrebbe avere molte più possibilità di aiutare Miami a tornare alle finali NBA.